Il culto a San Giuseppe a Pasteria era presente già prima della fondazione della parrocchia (26/07/1942).

Il Santo Patriarca, padre putativo di nostro Signore Gesù Cristo e patrono della Chiesa Universale, sposo della Beata Vergine Maria, ha sempre protetto con la sua intercessione gli abitanti di Pasteria; in modo particolare si ricorda che durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale anche la nostra chiesa subì ingenti danni: rimase intatta solo l'antica cappella del Santo.

Non abbiamo notizie certe della precedente statua; questa attuale giunse a Pasteria nel dopoguerra. La festa liturgica di San Giuseppe cade il 19 marzo, ma in maniera "popolare" lo si festeggia la quarta domenica di luglio.

Nella nostra Statua troviamo un'originalità: Gesù non è rappresentato in braccio a San Giuseppe, oppure infante accompagnato con la mano, ma da adolescente che impugna una croce in legno e guarda San Giuseppe. Leggiamo spiritualmente: San Giuseppe, obbediente alla parola del Signore, ci conduce alla salvezza realizzata da Gesù nella sua passione, morte e resurrezione.

Durante l'anno la nostra statua si presenta con il classico giglio di San Giuseppe, ed è sempre visibile, custodita dentro la nicchia.  In occasione delle sue feste invece viene adornata del giglio in argento, delle aureole d'argento di San Giuseppe e di Gesù e dei preziosi ex voto.

A SAN GIUSEPPE

(che si prega nella Parrocchia "S. Giuseppe" di pasteria CT)

Ave, Giuseppe, uomo giusto,
sposo verginale di Maria
e padre davidico del Messia,
tu sei benedetto tra gli uomini
e benedetto il Figlio di Dio
che a Te fu affidato, Gesù.

San Giuseppe, patrono della Chiesa universale,
custodisci le nostre famiglie nella pace
e nella grazia divina
e soccorrici nell'ora della nostra morte. AMEN

MISTERI

  1. Nel primo mistero si contempla l'Angelo che annunzia a
    Giuseppe che Maria diventerà la Madre del Messia.
  2. Nel secondo mistero si contempla Giuseppe nella
    nascita di Gesù a Betlemme
  3. Nel Terzo mistero si contempla Giuseppe che insieme
    alla vergine Maria presenta Gesù bambino al tempio.
  4. Nel quarto mistero si contempla Giuseppe che porta in
    salvo Gesù bambino dalle mire omicide di Erode
    e fugge in Egitto.
  5. Nel quinto mistero si contempla Giuseppe che ritrova
    Gesù nel tempio a Gerusalemme.

Con approvazione ecclesiastica 

O Glorioso San Giuseppe,
Patrono della nostra Comunità parrocchiale,
noi veniamo a te, fiduciosi di trovare
quel cuore accogliente, quello sguardo limpido
e quel coraggioso e attento servizio
che ti ha permesso di custodire, difendere
e amare immensamente
il Figlio di Dio e la Vergine Maria.
Vogliamo metterci sotto la tua protezione
e imparare dal tuo silenzio e dalla tua obbedienza
la bellezza della fede e la forza della preghiera.
Difendi le nostre famiglie da ogni insidia del male.
Fa che in esse vi sia sempre concordia
e il desiderio di attingere dalla grazia
la necessaria sapienza per essere
custodi dell'amore che rigenera
nella verità, nel perdono e nella pace.
Amen.

† Pio Vigo

Oggi è festa a Pasteria,
giubilanti cantiamo, al celeste Protettor.
Sei santo dell'obbedienza, sei custode del Signor.
Tu sei casto e bianco giglio che innamora i nostri cuor.

O san Giuseppe, da tutte le genti,
a te sale un grido di speranza e d'amor.
Sei Patrono eletto della Chiesa universale.
Tu sei casto e bianco giglio che innamora i nostri cuor.

Ora San Giuseppe sommessi ti chiediamo,
concedi la grazia , noi solo in te speriamo.
Sei padre buono e giusto Putativo di Gesù.
Tu sei casto e bianco giglio che innamora i nostri cuor.

Volgi lo sguardo dai cieli san Giuseppe,
a noi fedeli mostra la tua protezione.
Sei fedele alla Chiesa, sposo casto di Maria.
Tu sei casto e bianco giglio che innamora i nostri cuor.

Scritto da: Mario Piazza

Condividi